S.S. n°3 Bis Tiberina (S.G.C. E/45)

previous arrow
next arrow
ArrowArrow
Slider

 

Luogo: Compartimento dell’Umbria

Servizi: Progettazione esecutiva opere previste nei “lavori di somma urgenza per il ripristino delle condizioni di sicurezza della circolazione stradale a seguito del movimento franoso della scarpata di valle al Km. 37+400”

Committente: Anas S.p.a

Periodo esecuzione: 2013


Il tratto della SS 3 bis in corrispondenza della corsia in ingresso sulla carreggiata Sud dallo svincolo di Fratta Todina al Km 37, è stato interessato da un importante dissesto comprendente sia la sede stradale che il rilevato ed i terreni di fondazione su cui l’arteria è impostata.

Il movimento gravitativo, innescatosi a seguito degli intensi fenomeni piovosi intercorsi a fine novembre 2013, si è progressivamente acutizzato nei giorni seguenti determinando un progressivo allargamento della nicchia principale di distacco sulla sede stradale ed un richiamo sempre più evidente nei tratti di scarpata di valle immediatamente adiacenti, rendendo di fatto improcrastinabile l’immediata definitiva messa in sicurezza permanente dell’opera.

Sulla base delle evidenze raccolte si è reso necessario un importante intervento di bonifica e sostituzione con materiale di migliori caratteristiche dell’intero corpo rilevato interessato dal dissesto. Poiché la rottura profonda ha interessato anche i terreni di fondazione del muro, l’intervento è stato esteso anche ai terreni naturali presenti in corrispondenza del piede rilevato in modo da superare sistematicamente la fascia di terreno di imposta plasticizzato. Ciò ha comporta necessariamente la demolizione di un tratto di muro esistente di circa 50-55 m di estensione e la realizzazione di un nuovo muro di sostegno in c.a. fondato su pali di diametro f=600 di lunghezza L=8.0 m posti a quinconce ed in grado di offrire un efficace contrasto al piede. La scarpata definitiva, con pendenze simili a quelle originarie, è stata direttamente raccordata al nuovo elemento di contrasto al piede.

Ai suddetti interventi sono stati associati dei lavori di regimazione delle acque meteoriche e di smaltimento delle pressioni neutre internamente al rilevato.