S.S.318 di Valfabbrica

previous arrow
next arrow
ArrowArrow
Slider

 

Luogo: Compartimento dell’Umbria

Servizi: Progettazione esecutiva lavori di ripristino del corpo stradale al km 20+300 in frana

Committente: Anas S.p.a

Periodo esecuzione: 2011


Il tratto di Statale SS318”di Valfabbrica” in corrispondenza del Km 20+300 è stato interessato da un ampio movimento franoso che coinvolge sia la scarpata stradale che il versante naturale posto a valle.

Il movimento gravitativo, innescatosi nella primavera del 2010 a seguito degli intensi fenomeni piovosi intercorsi, a fine 2010 si è ulteriormente acutizzato determinando, tra l’altro, un progressivo allargamento della nicchia principale di distacco presente sul margine orientale della sede stradale e la conseguente limitazione del traffico ad una sola corsia al fine di garantire le necessarie condizioni di sicurezza.

La dinamica e l’ampiezza del fenomeno franoso ha imposto la realizzazione di tempestivi interventi di consolidamento al fine di evitare l’innesco di ulteriori movimenti superficiali che possano comprometterne la viabilità e di mettere in sicurezza la strada.

Vista l’impossibilità di operare direttamente sul corpo di frana e di stabilizzare l’intero versante, la scelta progettuale proposta è consistita nella realizzazione di un’opera di sostegno operando direttamente da piano strada sulla corsia attualmente esclusa al traffico che lambisce la nicchia principale di distacco della frana.

Alla luce del quadro stratigrafico e geotecnico di riferimento e delle caratteristiche sismiche del sito, si è scelto di predisporre una paratia di pali F600 mm disposti a quinconce con interasse longitudinale di 0.52 m e trasversale 0.30 m, di lunghezza totale pari a 13 m ed ammorsati nelle formazioni flyshoidi marnoso-arenacee di substrato, estesa ad un tratto complessivo di 70 m.

Al fine di operare una corretta regimazione delle acque di piattaforma è prevista la parziale sostituzione del tubo in c.a. che sottoattraversa la sede stradale e convoglia le acque provenienti dal pozzetto di monte. Infine è prevista la realizzazione della sovrastruttura stradale, del cordolo laterale su cui verranno fondate le barriere.