S.R.2 Cassia (già S.S. n. 2) – Lavori di somma urgenza al km. 158+250

previous arrow
next arrow
ArrowArrow
Slider

 

Luogo: Amministrazione Provinciale di Siena – Settore Viabilità

Servizi: Intervento di consolidamento del corpo stradale mediante tecniche di miscelazione profonda tipo “Soil Mixing”

Committente: Calzoni S.p.a

Periodo esecuzione: 2017


Un ampio tratto della Strada Regionale n°2 “Via Cassia” al km 158+250 compreso tra la galleria Le Chiavi ed il Ponte sul Fosso Formone interferisce con un importante e diffuso movimento franoso che interessa il versante sottostante.

Tale situazione ha comportato, nel tempo, progressivi risentimenti sull’arteria con manifestazione di avvallamenti sulla corsia di valle che hanno costretto l’Ente ad eseguire, periodicamente, interventi di compensazione del manto stradale.

Nei mesi scorsi il problema si è definitivamente accentuato fino a creare una netta zona di distacco che si estende per circa 60 m in senso longitudinale alla corsia che in quel tratto è pertanto da ritenersi in stato di precaria stabilità.

Il movimento franoso, come ben osservabile direttamente, è tuttora attivo e sta progressivamente richiamando ulteriori porzioni di materiale su cui è impostata la carreggiata.

In particolare, dalle fessure creatisi sul manto è già possibile riconoscere la formazione di una più ampia corona di frana a forma circolare che coinvolge quasi interamente anche la corsia di monte su cui è attualmente deviato il traffico. Analoghe tracce di movimento sono riconoscibili anche nel tratto di strada a monte in direzione della galleria.

Tale delicata situazione comporta la necessità di procedere con assoluta tempestività alla predisposizione di appositi interventi di rimedio al fine di evitare ulteriori dannosi risentimenti sulla stabilità della strada e scongiurare indesiderate interruzioni per l’importante arteria.

La soluzione per un intervento urgente di rimedio è ricaduta su interventi di consolidamento dei terreni di imposta della sede stradale mediante trattamenti colonnari realizzati con tecniche di miscelazione in sito tipo “Soil Mixing”.