Hub portuale di Trieste – Piattaforma logistica tra lo scalo Legnami e il Punto Franco Olii Minerali – 1° stralcio funzionale

previous arrow
next arrow
ArrowArrow
Slider

 

Luogo: Porto di Trieste

Servizi: Superamento osservazioni e prescrizioni CSLLPP al Progetto Definitivo

Committente: Acquatecno s.r.l. per Autorità Portuale di Trieste

Periodo esecuzione: 2013


Lo studio condotto è mirato a superare le osservazioni presenti nel parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici sul Progetto Definitivo del I° stralcio funzionale dei “Lavori di realizzazione della Piattaforma logistica in area portuale compresa tra lo Scalo Legnami e l’ex Italsider e conseguenti opere di collegamento” in merito gli aspetti tecnici della sola cassa di colmata, ed è impostato in modo da consentire la validazione del progetto.

Particolare cura è stata posta nella definizione di un modello geotecnico significativo del complesso ed articolato quadro stratigrafico pesantemente condizionato da interventi antropici passati, con particolare riferimento alle ricostruzione delle caratteristiche di permeabilità dei terreni di imbasamento delle barriere di confinamento. Una specifica attenzione è stata posta alla verifica delle prestazioni in termini di requisiti di equivalenza permeabilità/spessore del fondo della colmata e delle opere di conterminazione laterale.

A tal fine è stata eseguita una specifica campagna di indagini complementare consistente in prove penetrometriche e prove di dissipazione idraulica.

Una specifica attenzione è stata rivolta all’ampio tratto di barriera costituito da un diaframma plastico da realizzarsi con tecnologia CSM. Per questa sono state specificatamente trattate le problematiche connesse alle peculiarità stratigrafiche del sito in cui eseguire il trattamento e fornite le indicazioni sugli accorgimenti da adottare in fase di esecuzione del trattamento nei punti a maggior criticità e le specifiche del campo prova in cui verranno quindi ottimizzati i principali parametri operativi.

Uno specifico studio ha infine riguardato la verifica della modellazione numerica della circolazione idrica sotterranea finalizzata alla valutazione delle portate di emungimento dalla trincea drenante, alla luce delle perturbazioni indotte dagli interventi di conterminazione laterale nelle condizioni a regime.

Sono stati infine rivisti e ripresi tutti i criteri di dimensionamento e le verifiche strutturali dei principali elementi, in modo da renderli congruenti ed omogenei con la caratterizzazione geotecnica dei terreni con riferimento ai criteri delle vigenti norme tecniche sulle costruzioni di cui al DM 08, con specifico riferimento agli aspetti sismici.