Parcheggio interrato in Lungotevere dei Mellini a Roma

previous arrow
next arrow
ArrowArrow
Slider

 

Luogo: Comune di Roma

Servizi: Effetto della realizzazione di manufatti scatolari interrati sulla risposta sismica di edifici limitrofi: applicazione al caso di un parcheggio nella realtà romana

Committente: Mellini Parking S.r.l.

Periodo esecuzione: 2014


Nello Studio vengono illustrati gli esiti di un originale modello di interazione finalizzato a valutare le possibili modificazioni della risposta sismica di alcuni fabbricati ubicati in un’area particolarmente sensibile del centro storico di Roma che in futuro potrebbero direttamente interagire con un parcheggio interrato previsto nelle immediate vicinanze.

Si tratta di un problema di interazione terreno-struttura particolarmente complesso ed innovativo, per il quale non si dispone di teorie consolidate in letteratura che, per sua definizione, risulta solo “complementare” a quello della valutazione della risposta sismica di manufatti scatolari interrati (Wang, 1993).

L’opera, caratterizzata da due piani interrati e forma rettangolare in pianta con dimensioni massime pari a circa 242.0 x 16.60 m, verrà realizzata in una limitata area compresa tra i “muraglioni” di difesa delle piene del Tevere ed i fabbricati che si affacciano sul Lungotevere.

Il quadro stratigrafico è quello tipico della serie alluvionale del Tevere con presenza di termini di diversa composizione granulometrica prevalente, compresi tra le sabbie, le sabbie limose argillose, i limi-argillosi e le argille limose di colore avana e grigio variamente intercalati e con passaggi graduali dall’uno all’altro.

Le analisi di risposta sismica bidimensionali appositamente condotte dimostrano come la presenza della struttura al posto del volume di terreno competente non interferisca negativamente sulla risposta dei fabbricati adiacenti in condizioni sismiche: gli spostamenti teorici dei fabbricati, in particolare, non risultano sostanzialmente incrementati grazie all’effetto di attenuazione e schermatura complessivamente associabile alla presenza del manufatto interrato.

Lo studio condotto secondo criteri di scientificità rappresenta un esempio delle nuove e diversificate opportunità professionali e consulenziali nel campo dell’ingegneria geotecnica e strutturale a servizio di infrastrutture civili e grandi opere.